Stefano Trotto (Active Network) sullo stato della rete di connettività internet nel nostro Paese

Stefano Trotto (Active Network) sullo stato della rete di connettività internet nel nostro Paese


Nel corso di un’intervista rilasciata a Startupper Magazine, Stefano Trotto Commercial Unit Active Network S.p.a, ha fatto il punto sullo stato della rete fissa di accesso ad internet ormai fondamentale per le imprese ed in particolare per gli startupper.

“Purtroppo l’Italia - ha dichiarato Trotto - sta pagando un forte ritardo nel rinnovamento della sua rete fissa d’accesso ad Internet, ritardo causato principalmente dal problematico processo di liberalizzazione del mercato delle telecomunicazioni e che affonda le radici negli anni Novanta. Oggi l’Italia è divisa in due: zone e città ad Ultra Larga Banda e zone a Banda Larga o addirittura assente.”

Nonostante questo gap, Active network, sposando la logica "customer - spoc service”, prevede un'assistenza capillare ed esaustiva verso tutta la rete partner wholesale e retail. Lo Staff si prende carico di ogni tipo di istanza, fornendo suggerimenti sull'ottimizzazione dei servizi e delle soluzioni proposte, per mantenere sempre elevato lo standard qualitativo e la customer satisfaction.

In particolare, segnala Trotto, “Active Network S.p.a aggiorna in continuazione il il proprio database delle risorse disponibili sul territorio nazionale e grazie a un semplice strumento web, disponibile su www.beactive.it, permette al cliente di verificare la copertura della propria sede, semplicemente indicando il proprio indirizzo, e scoprire qual è il servizio migliore attivabile per quell’area d’interesse.”

Active Network fornisce servizi e prodotti di qualità per il mercato VoIP dal 2001. Il successo in questo campo ha portato Active Network ad avere più di 16.000 clienti, annoverando tra questi: grandi aziende, carrier nazionali, ISP macroregionali e provider locali. (Mercurypress.it)
Davide Maniscalco entra 'of counsel' in Studio Viola

Davide Maniscalco entra 'of counsel' in Studio Viola


Cresce il team dello Studio Viola, specialisti in Commercio Internazionale (www.studioviola.com) con l’ingresso di Davide Maniscalco in qualità di of Counsel.

L'Avvocato Davide Maniscalco ha maturato una significativa esperienza in diritto commerciale e societario, principalmente nel settore Oil&Energy, area in cui ha assunto ruoli di alta direzione per diversi Gruppi.

L'ingresso di Maniscalco va a potenziare il Dipartimento BID dello Studio Viola, studio di consulenza composto da un team di esperti e qualificati professionisti specializzati nell'assistere, favorire e supportare la propria clientela nei processi di internazionalizzazione.

“Sono certo - ha commentato Pietro Viola, founding partner dello Studio - che il contributo professionale di Davide costituirà un valore aggiunto per lo sviluppo della nostra nuova linea di consulenza e servizi che si pone come obiettivo principale quello di fornire alle imprese un innovativo percorso di crescita internazionale attraverso il supporto offerto dal Business Innovation Developer." (Mercurypress.it)
La Macroregione Mediterranea Centro-Occidentale, se ne parla all'Università di Messina

La Macroregione Mediterranea Centro-Occidentale, se ne parla all'Università di Messina


(MMCO) Macroregione Mediterranea Centro Occidentale, con il Patrocinio dell’Università di Messina, in collaborazione con il Collegio Amministrativo Ferroviario Italiano, l’Accademia Peloritana dei Pericolanti e le Associazioni ed i Service Club del territorio organizzano, il prossimo sabato 7 Aprile dalle ore 9.00, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina (Piazza Pugliatti N. 3) una conferenza sul tema “La Macroregione Mediterranea Centro-Occidentale".

Gli organizzatori dell’incontro si fanno promotori di una struttura di governance multilevel che, con il superamento dei limiti territoriali garantisca la partecipazione delle Autorità regionali, locali e dei cittadini alle politiche di cooperazione europee ed euromediterranee per la cultura, la tutela ambientale, la ricerca scientifica, l’innovazione, i sistemi energetici, la connettività territoriale, la mobilità urbana sostenibile, e dunque lo sviluppo socioeconomico della terra meridionale e dei paesi rivieraschi del Mediterraneo centro occidentale.

Parteciperanno al convegno: Salvatore Cuzzocrea Magnifico Rettore Università Studi Messina; Enzo Siviero, Magnifico Rettore Università eCampus; Renato Accorinti Sindaco di Messina; Vincenzo Ciraolo, Presidente Consiglio Ordine Avvocati Messina; Giuseppe Valerio, Presidente A.I.C.C.R.E. Puglia; Alfonso Polto, Presidente Rotary Club Messina; Salvatore Alioto, Presidente Kiwanis Club Milazzo; Sergio Di Giacomo Associazione Culturale Antonello da Messina; Cosimo Inferrera, Accademico emerito, già Patologo Unime; Giovanni Saccà, Responsabile Settori Studi e Trasporti Ferroviari C.A.F.I.; Sergio Bertolami, Architetto Editore Esperienze Mediterranee; Gaetano Armao, Vice Presidente Regione Siciliana; Patrizia Causarano Avvocato del Foro di Messina; Andrea Piraino, Costituzionalista Unipa; Michela Giuffrida, Eurodeputato, Commissione Sviluppo regionale del PE. Relatrice del rapporto sulla Macroregione Adriatica – Ionica; Andrea Cozzolino, Eurodeputato, vice-Presidente Commissione per lo Sviluppo Regionale del Parlamento UE; Giovanni Ardizzone, già Presidente dell’ARS
Stefano Agosta, Costituzionalista Unime; Maurizio Ballistreri, Giuslavorista Unime già Deputato al Parlamento Siciliano; Rocco Giordano Economista dei Trasporti, Editore; Giuseppe Campione, Geografo politico Accademico onorario, già Presidente Regione Siciliana; Giuseppe Abbati, Segretario generale A.I.C.C.R.E. Puglia
già Consigliere regionale della Puglia e Assessore al Comune di Bari; Francesco Barbalace, v. Presidente Fondazione Nuovo Mezzogiorno; Annika Patregnani, Presidente Biennale Habitat; Francesco Attaguile, Hub Sicilia International; Bruno Sergi, Economista Unime. Accademico; Geri Villaroel, Giornalista. Direttore“Moleskine”, Romanziere.
Arriva la nuova figura professionale del Business Innovation Developer, Studio Viola lancia la BID philosophy

Arriva la nuova figura professionale del Business Innovation Developer, Studio Viola lancia la BID philosophy


Il Business Innovation Developer propone progetti di internazionalizzazione, definendo le strategie di identità del cliente verso un consapevole accesso ai mercati di sbocco (BID Market Placement) nell'ambito di una collaborazione dinamica di reciproca crescita.

"Abbiamo creato,un Dipartimento BID composto da diverse aree d'intervento; ogni area rappresenta una specifica esigenza dell'impresa all'interno di un percorso d'internazionalizzazione fortemente basato sull'innovazione di valore, di processo e tecnologica che il Business Innovation Developer è in grado di soddisfare grazie all'utilizzo delle più innovative metodologie di lavoro; Il nostro cliente è il protagonista del progetto BID, ne condivide la filosofia, contribuendo al raggiungimento dell'obiettivo, attraverso una partecipazione operativa e strategica." Così Pietro Viola, Business Innovation Developer e founding partner dello Studio Viola.

"Il nostro Studio - continua Viola che è anche rappresentante per la Sicilia della Amcham, la Camera di Commercio americana in Italia - opera da anni nel campo del commercio internazionale tra l'Europa e l'area nord-americana, le competenze e l'esperienza maturate su progetti d'internazionalizzazione permettono di offrire il massimo del valore aggiunto su progetti BID con target gli USA ed il Canada, oltre che ovviamente i Paesi dell'Europa centrale e settentrionale".

Per informazioni clicca qui

Una voce ancora più forte per gli italiani all'estero

Una voce ancora più forte per gli italiani all'estero


"La cittadinanza". Angela Fucsia FiztGerald Nissoli, deputata di Forza Italia eletta nella ripartizione America settentrionale e centrale, riassume in una sola parola quello che sarà il suo prossimo impegno per gli italiani nel mondo. La deputata uscente, dopo le procedure di registrazione, spiega a 9colonne: "Ciò che interessa di più i nostri connazionali è la questione relativa alla cittadinanza italiana, è il mio primo obiettivo. Voglio presentare subito una proposta di legge. Appena ci insediamo. C'è tanta voglia di iniziare a lavorare presto". A proposito dell'avvio della nuova legislatura Nissoli si dice fiduciosa: "Sono ottimista. Tendo sempre a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sono sicura che si troverà un accordo. Spero semplicemente - aggiunge - che noi italiani all'estero avremo una voce ancora più forte. Se noi andiamo al Governo spero di riuscire a portare a casa dei risultati importanti".

"Le donne sono state protagoniste in questa campagna elettorale. Tra le donne non c'è competizione. Se le donne sono intelligenti e se si rispettano tra di loro possono portate a casa dei risultati maggiori rispetto agli uomini". Fucsia Nissoli FitzGerald, deputata uscente di Forza Italia, di nuovo eletta alla Camera nella circoscrizione estero commenta così il voto in "rosa" in Nord e Centro America: alle elezioni del 4 marzo, infatti, sono state tre donne ad aver ottenuto il maggior numero di voti e ad entrare in Parlamento. Per la Camera, riconfermate Nissoli e Francesca La Marca (PD). Al Senato, invece, è arrivata Francesca Alderisi (centrodestra). "Noi donne abbiamo un modo di 'negoziare', mediare ed essere più tolleranti che ci contraddistingue. Forse anche perché molte di noi sono mamme: abbiamo un propensione naturale all'ascolto e alla comprensione, al prendersi cura degli altri. Sono contenta - ha concluso Nissoli - che in Nord e Centro America siano in tre. Sono state elette tre donne e questo è un successo. Lavoreremo insieme per il bene delle nostre comunità" italiane all'estero.