I primi cinque mesi dall’entrata in vigore del CETA hanno fatto registrare un aumento globale dell’export italiano verso il Canada

I primi cinque mesi dall’entrata in vigore del CETA hanno fatto registrare un aumento globale dell’export italiano verso il Canada


Gli effetti positivi dell’Accordo CETA sono stati riportati dall’Avvocato Paolo Quattrocchi, Direttore del Centro Studi Italia-Canada, nel corso di un modulo di approfondimento, all'interno del Master "Food Law” della LUISS School of Law

I primi cinque mesi dall’entrata in vigore del CETA hanno fatto registrare un aumento dell’export italiano verso il Canada in misura pari al +11.% e in particolare nel settore agroalimentare con una crescita del +14% che rende l’Italia il primo esportatore europeo verso il Canada nello specifico settore.” Così l’Avvocato Paolo Quattrocchi, Direttore del Centro Studi Italia-Canada, durante il suo intervento al modulo di approfondimento, all'interno del Master "Food Law", alla LUISS School of Law, che si è tenuto oggi presso l’Aula Nocco della Facoltà Universitaria.

D’altro canto – ha proseguito Quattrocchi - il Canada, dall’entrata in vigore del CETA, pur avendo tratto vantaggio, facendo registrare una importante crescita dell’export verso l’Italia del 24%, registra il crollo delle esportazioni di grano verso il nostro paese, tradizionalmente il primo acquirente di grano canadese. Nei prossimi mesi sarà possibile verificare se, come probabile e auspicabile, gli effetti positivi già registrati verranno confermati. Del resto il tradizionale legame che unisce l’Europa, e in particolare l’Italia, con il Canada non potrà tradire le aspettative. La quasi totale abolizione dei dazi doganali, già in essere, e le altre misure che incidono sul settore, non solo agro-alimentare, ma anche pharma, certificazioni di prodotto (con benefici in special modo per i macchinari industriali), appalti pubblici (sui tre livelli: federale, provinciale e metropolitano), tutto lascia prevedere un incremento dei traffici, peraltro già avvertito anche dat grandi player della logistica che, come Maersk si stanno preparando al previsto aumento dei flussi, hic et hinde.

Una menzione a parte meritano le denominazioni di origine che pure stanno traendo vantaggio dal CETA: prodotti di alta qualità italiani, che prima non potevano entrare sul mercato canadese, oggi possono essere sugli scaffali canadesi con le proprie denominazioni, finalmente tutelate anche rispetto a chi, in in passato aveva, forse con una certa disinvoltura utilizzato denominazioni che richiamavano il ben più qualificato prodotto made in Italy.

Tutto comunque va inquadrato in un contesto storico e di relazioni commerciali che non lasciava intravedere particolari rischi sulla riuscita. Certo in Italia non tutti sono contenti dal momento che sono solamente 41 le denominazioni di origine italiane che il Canada ha riconosciuto; poche, in termini numerici, rispetto alle molte riconosciute in Europa (143 IGs), ma “di peso” se così si può dire dal momento che queste 41 IG rappresentano il 90 % del valore economico delle IG. Peraltro il CETA é un accordo aperto che prevede la costituzione di commissioni miste (già in corso di formazione), una per ogni settore di intervento del CETA, il cui compito é proprio quello di raccogliere le istanze, monitorare e se del caso implementare l’Accordo. Si tratta, quello dell’inserimento di nuove IG, di meccanismi invero complessi per la cui proficua utilizzazione é necessaria attenzione lungimiranza. L’auspicio é che la fase di esecuzione già in atto, in attesa della ratifica, che non necessariamente deve avvenire in poco tempo, sia vissuta dalle parti e, per quello che ci riguarda, dall’Italia, in modo intelligente, operando, in altre parole, affinché eventuali insoddisfazioni vengano superate, con il sostanziale gradimento da parte del mondo produttivo italiano.

Certo un accordo è pur sempre un compromesso, così come in Canada, anche in Italia qualche categoria, settore potrà rimanere non soddisfatto al 100%: quello che conta è che il bilancio sia positivo, così come lo è ora e come tutti ci auguriamo che rimanga.
La migliore risposta ad ogni perplessità sono i numeri e speriamo quindi che i numeri continuino a crescere come hanno fatto da settembre 2017 ad oggi.

Del resto – ha chiosato, ribadendo i concetti, l’Avvocato Quattrocchi - l’esecuzione provvisoria del CETA proprio a questo può anche servire: monitorare, verificare, implementare, il tutto a beneficio di tutti, cittadini europei, italiani e canadesi.
The Fake News Bible: il nuovo libro di Marco Camisani Calzolari

The Fake News Bible: il nuovo libro di Marco Camisani Calzolari


Una guida alle fake news che affronta concretamente il tema, analizzando soprattutto le tecniche utilizzate da chi le crea e le diffonde.

Come nascono? Chi le crea? Come diventano virali? Quali tecnologie si utilizzano?

Bufale, click-bait, conspiracy theory, pseudo-scienza, storytelling, shitposting, satira e intrattenimento sono alcune delle principali categorie prese in considerazione.

Nel libro vengono analizzate le ragioni per cui vengono create, tra cui influenzare l’opinione pubblica, influenzare il mercato e i decision maker, monetizzare il traffico o fare character Assassination e chi le crea utilizza tecniche di psicologia unite a quelle digitali al fine di ottenere la massima diffusione.

L’ultima parte del libro é dedicata al debunking e ad alcune proposte di potenziali soluzioni per combattere il fenomeno.

Per acquistare il libro su Amazon, cliccare qui
La valutazione dei modelli organizzativi: sugli scaffali il nuovo libro di Giuseppe Lepore

La valutazione dei modelli organizzativi: sugli scaffali il nuovo libro di Giuseppe Lepore


Disponibile da oggi ed acquistabile anche su tutti i maggiori siti di vendita on-line l’ultimo libro di Giuseppe Lepore dal titolo “La valutazione dei modelli organizzativi” edito per i tipi di lge edizioni in esclusiva per Certi W ®.

Il manuale fornisce utili spunti ed indicazioni per alutare un modello organizzativo riferendosi alle principali norme internazionali. La metodologia, unica ed innovativa, ideata dall’autore offre la possibilità di approcciare al mercato ad una attività del genere in maniera evoluta e completa.

L'autore, l'Ingegnere Chimico Giuseppe Lepore, dal 2008 è alla guida di Certi W ®, Organismo di Certificazione e Ispezione che, grazie ad un consolidato network internazionale, eroga i propri servizi ovunque nel mondo.

Nel 2013 promuove la nascita dell' “Award Certiluxe ®” un ambito premio a persone, organizzazioni ed aziende che si sono distinti per Qualità, Unicità ed Innovazione. Lead Assessor qualificato per i maggiormente diffusi Sistemi di Gestione con oltre 2.500 verifiche ispettive effettuate è anche autore e co-autore di numerose pubblicazioni in materia.
Amcham Italy 103rd Annual Meeting, Assemblea Ordinaria e Straordinaria dei Soci AmCham

Amcham Italy 103rd Annual Meeting, Assemblea Ordinaria e Straordinaria dei Soci AmCham


Il prossimo 20 Giugno si terrà a Milano l'Assemblea di AmCham Italy che vedrà la presenza del Board e dei Rappresentanti Locali, dei Presidenti dei Comitati e Gruppi di Lavoro, la Missione Diplomatica USA e rappresentati delle Istituzioni Locali e Nazionali insieme ai Soci e agli amici della Camera.

Sarà presente inoltre Elizabeth Lee Martinez, Console Generale USA a Milano.
Durante l'incontro verrà ufficialmente eletto il nuovo Presidente AmCham insieme a nuovi membri del Board.

L'evento sarà seguito da "A taste of America - Fast & Good USA Food", importante opportunità di networking.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: eventi@amcham.it

Open Day della LUISS School of Law sulle prospettive offerte dall’accordo CETA agli scambi commerciali nel settore agroalimentare

Open Day della LUISS School of Law sulle prospettive offerte dall’accordo CETA agli scambi commerciali nel settore agroalimentare




Nctm Studio Legale ed il Centro Studi Italia-Canada prenderanno parte all'open day organizzato da LUISS School of Law, che si terrà domani presso l’Aula Nocco della LUISS, in Via parenzo 11 a Roma dalle 14 alle 20. 

Il modulo di approfondimento, all'interno del Master "Food Law", su Canada-CETA e le nuove prospettive che si aprono per lo specifico settore all'esito dell'entrata in vigore provvisoria dell’Accordo sarà moderato dall’Avvocato Paolo Quattrocchi, Partner di Nctm Studio Legale, Direttore del Centro Studi Italia-Canada e Vice-Presidente della Camera di Commercio Canada West.

L’incontro avrà la seguente Agenda:

  • Country Presentation Lionella Bertazzon, Trade Commissioner – Embassy of Canada A special focus on Québec   
  • A special focus on Québec Marianna Simeone, Delegate of Québec in Italy   The SPA and the CETA: a new chapter in EU-Canada relations Paolo Quattrocchi, Partner - Nctm Studio Legale  
  • Canadian Experience with Agriculture and Agri-Food Trade Jennifer Fellows, Agriculture Counsellor - Embassy of Canada   
  • CETA and the new food safety legislation in Canada Noemi Trombetti, Managing Director - “Euroservizi Impresa (ESI)”   
  • CETA, Geographical Indications and new scenarios for Intellectual Property Luca Guidobaldi, Nctm Studio Legale   
  • Logistics and Customs Marco Dell’Arciprete, JAS Jet Air Service - Italia   

Per info e per registrarsi all’evento: foodlaw@luiss.it
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-open-day-canada-and-ceta-a-new-perspective-46926471339?aff=ebdssbdestsearch