The State of Union al Centro Studi Americani

SHARE

Il Centro Studi Americani, in collaborazione con l'Ambasciata degli Stati Uniti, organizza il dibattito "The State of Union" il prossimo giovedì 1 febbraio alle ore 16.00 presso la sede di via Caetani 32/35 A.

Durante l'incontro, Sergio Fabbrini e Hans Noel commenteranno i punti cruciali emersi dal discorso annuale che il Presidente americano terrà di fronte al Congresso.

Il Centro di Studi Americani ha rappresentato da sempre la principale istituzione dell'Europa meridionale per lo studio della cultura statunitense. Nato dalla collezione di Henry Nelson Gay, docente presso l'Università di Roma, che a partire dal 1918 cominciò a raccogliere libri e materiale documentario americano, il Centro, già ricco di 10.000 volumi, fu ospitato nel Palazzo Salviati in Via del Corso. Dopo la morte di Gay nel 1932 la biblioteca fu trasferita al piano nobile del Palazzo Mattei di Giove.

Nel 1963 il Centro assunse la struttura odierna dopo che a partire dal secondo dopoguerra, grazie alla collaborazione di vari enti italiani e americani, era divenuto punto di riferimento per gli studi sugli Stati Uniti, attraverso corsi di lingua e seminari sulla storia, la letteratura e la cultura americane.
Le sue iniziative comprendono attualmente convegni, seminari e conferenze, allargati a svariati campi di indagine (studi etnologici, emigrazione, storia delle donne, film, diritto comparato). I principali appuntamenti annuali sono la serie "New American Writers", il seminario di letteratura per studenti delle università italiane e il seminario interdisciplinare sugli Stati Uniti nel XX secolo .

La biblioteca possiede oltre 50.000 volumi a stampa, più di 25.000 in microfiche, e oltre 250 periodici, di cui circa 100 correnti. Tra le opere di maggiore interesse figurano una raccolta di libri di viaggiatori europei in America nel Settecento, le prime edizioni di testi letterari americani con firma autografa dell'autore e una ampia documentazione dei primi scritti coloniali sull'America del Nord. La collezione è in continua crescita grazie alle donazioni private e a un regolare aggiornamento delle acquisizioni dagli Stati Uniti.

A partire dal 1997 il catalogo sarà informatizzato e consultabile tramite la rete SBN; sarà inoltre disponibile il collegamento con il sistema bibliotecario americano. E' in corso l'installazione del servizio "Pro-Quest" per la lettura di periodici americani su CD-ROM.

Per informazioni e per confermare la presenza all'evento RVSP: event@centrostudiamericani.org
SHARE