CUOA trend topics: geopolitica e strategia d’impresa

SHARE

La geopolitica può essere per le imprese un argomento imprevedibile e talvolta oscuro, ma conoscere lo scenario geopolitico europeo e mondiale si rende sempre più necessario per lo sviluppo del business. Oggi più che mai, in un Paese come l’Italia che vive di «mercati internazionali», imprenditori, manager e professionisti sono alle prese con fenomeni di portata globale, determinanti per la crescita economica delle aziende.

Lunedì 18 marzo dalle 9:00 alle 18:00, al CUOA si discuterà di Brexit, dei dazi di Trump, delle politiche dei Paesi sudamericani, della Russia, dell’Est Europa, ma anche della nuova Via della Seta, senza tralasciare le economie del Corno d’Africa e le problematiche dell’Africa Subsahariana. Insomma, di quanto c’è da sapere sui filoni geopolitici che interessano l’economia italiana che dialoga con gli altri Paesi, che impattano sugli affari e influiscono sugli investimenti esteri dove le nostre imprese hanno interessi.

Apriranno i lavori Federico Visentin, Presidente di CUOA Business School e Alberto Felice De Toni, Direttore scientifico di CUOA Business School, a cui seguiranno gli speech con focus su La variabile indipendente: Geopolitica e futuro delle imprese italiane a cura di Maurizio Molinari, Direttore de La Stampa, e di Stefano Stefanini, diplomatico ed editorialista de La Stampa,  introdotti e coordinati da Paolo Gubitta, Direttore scientifico CEFab CUOA Business School e docente di Imprenditorialità Università di Padova.

Nella seconda parte della giornata si svolgeranno quattro sessioni parallele di lavoro:

• Il Corno d’Africa al galoppo: assetti istituzionali e opportunità per le imprese – a cura di Nicola Spadafora, Console Onorario dell’Etiopia a Milano, Avvocato, Partner Tonucci & Partners, Carlo Scarpa, Avvocato, Partner Tonucci & Partners e Alessandro Vasta, Avvocato, Partner Tonucci & Partners –  La sessione si focalizzerà sul contesto dei Paesi del Corno d’Africa (Etiopia, Eritrea, Somalia e Gibuti), con un approfondimento del contesto istituzionale dell’Etiopia, dei settori in maggior sviluppo e delle opportunità di business per le imprese italiane.
• Dazi, flussi commerciali e rischio Paese: tecniche di misurazione – a cura di Maurizio Belli, esperto di Financial Risk Management, Partner Financial Innovations – È la sessione che metterà al centro gli strumenti tecnici necessari per affrontare le strategie di internazionalizzazione in un mondo incerto e soggetto a rapidi cambiamenti, con particolare riferimento alle tecniche di misurazione del rischio Paese.
• Infrastrutture e strategie distributive e commerciali delle imprese – a cura di Paolo Costa, Economista, già Ministro dei Lavori Pubblici (Governo Prodi I), Rettore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e Presidente dell'Autorità portuale di Venezia – In questa sessione saranno descritte le variabili che spiegano le traiettorie commerciali nel mondo e illustra i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni in Italia e in Europa (dal treno diretto Italia-Cina lungo la Nuova Via della Seta all’interesse degli investitori stranieri per alcuni porti italiani) e il loro impatto sulle politiche delle imprese.
• Finanza per la crescita in un mondo incerto – a cura di Andrea Del Moretto, Responsabile Financing and Advisory Commercial Banking Italy, UniCredit, Milano – la sessione analizzerà l’impatto dell’incertezza dei mercati sulla gestione finanziaria d’impresa, illustrando gli strumenti finanziari più adatti per affrontare le sfide competitive senza compromettere la stabilità finanziaria dell’impresa.

Per info e iscrizioni: www.cuoa.it/trendtopics
SHARE