Visualizzazione post con etichetta Eventi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Eventi. Mostra tutti i post
Brexit in arrivo: l’impatto su imprese e operatori

Brexit in arrivo: l’impatto su imprese e operatori


“L’impatto della Brexit per imprese e operatori” è il titolo del workshop che si è tenuto oggi a Palazzo Tobia Pallavicino, organizzato dalla Camera di Commercio di Genova in collaborazione con International Chamber of Commerce (ICC). Fra i numerosissimi profili di criticità e terreni di impatto che l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea comporterà per le imprese e gli operatori economici genovesi, il workshop si è focalizzato su: proprietà intellettuale, fiscalità, dogane e arbitrato.

La cosiddetta Brexit, inizialmente formalizzata per il 29 marzo 2019, è stata rimandata attraverso varie votazioni nel corso delle accese discussioni tenutesi in queste settimane nel Parlamento inglese, tanto da riportare sul tappeto il tema di un possibile nuovo referendum o della permanenza nell’unione doganale e nel mercato unico. Il termine ultimo dell’uscita dovrebbe essere spostato di qualche mese e con esso tutte le problematiche fiscali, doganali, commerciali e legali collegate.

Al centro del workshop,  le conseguenze pratiche della Brexit a livello aziendale e burocratico. Dopo i saluti di Luigi Attanasio, presidente della Camera di Commercio di Genova, e Maria Beatrice Deli, segretario generale di ICC Italia, è stata la volta di quattro panel sugli argomenti più caldi: proprietà intellettuale, fiscalità, dogane e arbitrato.

“In un momento di grande incertezza -  ha aperto Luigi Attanasio - il nostro obiettivo è aiutare aziende e operatori genovesi ad affrontare con la giusta serenità i cambiamenti che arriveranno con la Brexit. Una realtà come quella genovese è da sempre fortemente legata a Londra per rapporti economici e commerciali, e dobbiamo cercare di fare in modo che le nuove dinamiche geopolitiche influisca il meno possibile sulla qualità e la quantità degli scambi”

Elio De Tullio, presidente commissione proprietà intellettuale di ICC Italia, ha condotto il panel su “Brexit e diritti di proprietà intellettuale”; Paolo de’ Capitani, presidente commissione fiscale ICC Italia, quello su “L’impatto della Brexit sulla fiscalità delle imprese e dei lavoratori”; Giovanni De Mari, presidente commissione dogane & trade facilitation di ICC Italia, con Sara Armella, coordinatrice della commissione, e Andrea Scappini, Agenzia delle Dogane, quello su “L’impatto delle procedure e dei controlli doganali sul commercio internazionale e la fluidità dei traffici”; Ferdinando Emanuele, presidente commissione arbitrato ICC Italia, ha condotto infine il panel dedicato a “L’impatto della Brexit sull’arbitrato internazionale”.

Proprio stamattina si è riunita a Genova la Commissione Dogane & Trade Facilitation di ICC Italia, presieduta da Giovanni De Mari e coordinata da Sara Armella. All’ordine del giorno, fra l’altro, la competenza camerale sul rilascio dei certificati di origine, documenti fondamentali per l’export, oggetto di recentissime nuove disposizioni ministeriali.
IACCSE FLORIDA ROADSHOW: 4 seminari per avvicinare le imprese alle opportunità d’espansione negli USA

IACCSE FLORIDA ROADSHOW: 4 seminari per avvicinare le imprese alle opportunità d’espansione negli USA


Milano, Bologna, Firenze e Roma sono le città che ospiteranno, dall’8 all’11 Aprile 2019, il “Florida Roadshow” organizzato dalla Italy - America Chamber of Commerce Southeast (IACCSE) per presentare alle aziende italiane le opportunità offerte da uno dei più dinamici Stati degli USA, verso il quale l’export italiano ha un valore di oltre 2 miliardi di dollari.

Come avviare un business o espandere le proprie operazioni negli Stati Uniti e in particolare in Florida? Durante le quattro tappe del “Florida Roadshow” la Italy - America Chamber of Commerce Southeast illustrerà le più efficaci modalità per trarre vantaggio dall’operare in questo Stato, dove si concentrano la maggior parte delle aziende italiane attive nel Southeast in particolare quelle specializzate nei settori nautica, interior design, edilizia, agroalimentare, forniture alberghiere e logistica. Nel corso degli incontri sarà possibile confrontarsi con professionisti esperti d’internazionalizzazione con una conoscenza approfondita del mercato statunitense.

Tra i vari vantaggi che la Florida offre ci sono alcune agevolazioni di carattere fiscale alle aziende che assumono più di 10 lavoratori locali e, a differenza di molti altri Stati degli USA, qui la tassazione statale sul reddito delle persone fisiche non si applica. Temi al centro degli incontri anche le implicazioni legali riguardanti l’apertura di una società negli USA, la redazione di contratti di rappresentanza, la procedura per ottenere un visto come investitore, la fiscalità delle imprese italiane negli Stati Uniti, gli strumenti di finanziamento agevolato per le imprese e delle procedure doganali per l’export di prodotti.

L’evento è organizzato con il supporto delle Antenne (Uffici di Rappresentanza) della Camera di Commercio in Italia ed in collaborazione con Unioncamere (Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura – www.unioncamere.it ) e con Enterprise Florida (Principale organizzazione pubblico – privata di sviluppo economico della Florida www.enterpriseflorida.com).

La partecipazione ai seminari è gratuita previa registrazione (riservata a rappresentanti di aziende seriamente interessate ad espandere le proprie operazioni negli Stati Uniti)
 Camera di Commercio ad Arezzo per la formazione delle imprese orientate  all’export

Camera di Commercio ad Arezzo per la formazione delle imprese orientate all’export


Doppio appuntamento, lunedì 18 marzo e giovedì 21 marzo, in Camera di Commercio ad Arezzo per la formazione delle imprese orientate all’export.
Nel primo incontro, realizzato in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane, un focus sulle conseguenze derivanti da una uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea senza accordo ( “no deal”).

Arezzo è una delle province italiane con il maggior grado di apertura ai mercati esteri: oltre a presentare un export ai vertici nazionali in termini assoluti (20° posto nel 2017) se si rapporta il dato al numero delle imprese la provincia conquista nella graduatoria nazionale il 4° posto assoluto.

Una vocazione all'internazionalizzazione del sistema economico locale che, peraltro, è sempre stata supportata dall'azione della Camera di Commercio che, nel corso degli anni, ha accompagnato le imprese alle tantissime fiere di settore organizzate nel mondo.

La nuova legge di riforma del sistema camerale italiano, ridisegnando funzioni e competenze, ha escluso la possibilità che le Camere di Commercio svolgano direttamente attività promozionale all'estero focalizzandone invece l'attività nella formazione e assistenza alle imprese per la loro preparazione ai mercati internazionali.

Coerentemente con questa impostazione, la Camera di Commercio di Arezzo -Siena ha programmato per lunedì 18 marzo e per giovedì 21 marzo due iniziative, che si svolgeranno presso la sede di Via Spallanzani, dedicate alla formazione e allo sviluppo delle competenze per gestire con efficacia i processi di internazionalizzazione.

Lunedì 18 marzo, con inizio alle ore 10:00, alla Borsa Merci di Arezzo è in programma, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane, l’Export Day 2019 che si articolerà in due distinti momenti.

Una prima parte sarà dedicata alla prosecuzione del percorso formativo gratuito " Sviluppo delle competenze per i processi di internazionalizzazione” rivolto dedicato alle imprese potenzialmente ed occasionalmente esportatrici e nel corso dell’iniziativa saranno esaminate alcune procedure per gli esportatori registrati ed autorizzati e le facilitazioni doganali derivanti dallo status AEO.

Una seconda parte sarà invece dedicata ad un focus sui futuri rapporti doganali Regno Unito-UE.

Com’è noto, il 29 marzo 2017 il Regno Unito ha notificato la propria intenzione di recedere dall’Unione europea a norma dell’articolo 50 del Trattato sull’UE.

Dopo circa un anno e mezzo di lavoro tra i negoziatori dell’Unione europea e quelli del Regno Unito, il 25 novembre 2018, il Consiglio europeo straordinario “articolo 50” ha dato il via libera all’accordo di recesso per l’uscita del Regno Unito dall’UE ed ha approvato la Dichiarazione Politica sul quadro delle future relazioni.

Tale intesa avrebbe consentito di gestire il recesso dell’UK (un processo senza precedenti, peraltro) in modo ordinato ed in termini chiari per imprese e cittadini, prevedendo, dopo l’uscita del 29 marzo 2019, un periodo transitorio sino al 31 dicembre 2020.

Dopo la prima votazione negativa dello scorso 15 gennaio 2019, la Camera dei Comuni del Regno Unito ha espresso martedì 12 marzo 2019 un ulteriore voto negativo ad una ratifica di un nuovo accordo di recesso.

Pertanto, salvo che il Consiglio europeo all’unanimità decida, d’intesa con il Regno Unito, di posporre la cessazione dell’applicazione dei trattati, la totalità del diritto primario e derivato dell’Unione cesserà di applicarsi al Regno Unito alle ore 00.00 del 30 marzo 2019 .

Conseguentemente una eventuale BREXIT senza accordo di recesso potrà avere importanti conseguenze per le imprese, ad iniziare da quelle che esportano nel Regno Unito, sopratutto nel caso che la loro esperienza nel commercio con i Paesi terzi è stata sinora limitata o addirittura inesistente.

Dal 30 marzo infatti la circolazione delle merci tra la UE ed il Regno Unito (UK) verrà quindi considerata commercio con un Paese terzo e di conseguenza si dovranno stabilire lo status doganale delle merci in entrata, uscita o transito attraverso il territorio doganale e fiscale dell'Unione e del Regno Unito, nonché le disposizioni giuridiche applicabili, oltre al trattamento adeguato in relazione all'IVA e alle accise.
Si tratta quindi di novità che avranno un rilevante peso per il sistema economico nazionale: i flussi di merci verso la Gran Bretagna rappresentano circa il 5% sul totale dell’export italiano ( 22 miliardi di euro nel periodo gennaio-novembre 2018) .
Anche i dati che interessano la nostra provincia sono significativi: le imprese aretine hanno importato, nei primi 9 mesi dell’anno, beni per circa 236 milioni di euro, esportando per un valore pari ad oltre 402 milioni di euro. In particolare le esportazioni si sono concentrate su metalli preziosi, moda, apparecchiatura elettriche, oreficeria e gioielleria.
Exportday: l’Agenzia Dogane Monopoli a fianco degli operatori economici per affrontare la Brexit

Exportday: l’Agenzia Dogane Monopoli a fianco degli operatori economici per affrontare la Brexit


A pochi giorni dalla data del 29 marzo prevista per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, l’Agenzia Dogane Monopoli (ADM) ha organizzato l’EXPORTDAY, un evento in cui tutti gli Uffici delle Dogane saranno a disposizione delle imprese, in particolare quelle che hanno poca dimestichezza con le formalità doganali da assolvere prima di effettuare operazioni commerciali con paesi extra UE.
L’iniziativa intende fornire tutte le informazioni necessarie per affrontare l’impatto che la Brexit potrebbe avere sulle transazioni commerciali con il Regno Unito qualora, al 29 marzo p.v. o in data posteriore, dovesse configurarsi come stato terzo rispetto all’Unione Europea.

L’EXPORTDAY si svolgerà lunedì 18 marzo 2019 con un seminario organizzato dall’Ufficio delle Dogane di Arezzo, in collaborazione con la locale Camera di Commercio, che si terrà presso la Sala della Borsa Merci in Piazza Risorgimento - Arezzo dalle ore 10.00 alle ore 13.00.

L’evento sarà introdotto da Massimo Guasconi, Presidente della Camera di Commercio di Arezzo-Siena, Giuseppe Salvini, Segretario Generale e Simone Manetti Bartoli per l’Ufficio delle Dogane di Arezzo.

Seguiranno gli interventi di alcuni funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Arezzo: Semplificazioni
all’Export

Marco Sanna: Il Sistema degli Esportatori Registrati
Simone Manetti Bartoli: Lo status di Esportatore Autorizzato

InfoBrexit

Stella Fantozzi: Le conseguenze della Brexit sugli scambi commerciali UE/UK Facilitazioni doganali
Marco Sanna: Lo Status AEO: un vantaggio per le imprese
Forum PA 2019

Forum PA 2019


Questa edizione del FORUM PA è focalizzata sul cambiamento e sulle azioni delle Amministrazioni finalizzate alla promozione di uno sviluppo equo e sostenibile, in linea con gli obiettivi inseriti nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, sottoscritta dai Paesi aderenti all’ONU, nell’ambito della quale un ruolo di primo piano viene svolto dal sistema delle imprese e dalla loro capacità di rispondere alla sfida della sostenibilità in termini di creatività e di nuovi modelli di organizzazione e produzione.

Saranno presenti le più importanti Amministrazioni pubbliche, centrali e locali, con i rispettivi responsabili dei sistemi informativi, al procurement e agli acquisti di prodotti, beni e servizi, nonché le grandi aziende che svolgono un ruolo di main contractor nelle gare pubbliche e che hanno interesse ad integrare la propria offerta con servizi innovativi che nascono dal mondo delle PMI (Open Innovation).

L’obiettivo del Progetto è, pertanto, quello di promuovere le imprese che abbiano sviluppato prodotti e servizi per l’innovazione sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale, dandogli la possibilità di proporsi in un contesto di prestigio, dove poter incontrare le Amministrazioni e le grandi imprese con le quali poter collaborare su gare pubbliche.
In prima assoluta per gli Stati Uniti, al PDCA Expo di Savannah la presentazione delle vernici innovative italiane di Giuseppe Di Maria SpA (GDM)

In prima assoluta per gli Stati Uniti, al PDCA Expo di Savannah la presentazione delle vernici innovative italiane di Giuseppe Di Maria SpA (GDM)


Il colorificio Giuseppe Di Maria SpA (GDM), in occasione del PDCA National Painting Industry Trade Show di Savannah nello stato della Georgia, presenterà oggi due nuovissime linee di prodotti per il mercato americano.

Entrambe le linee sono innovative ed eco-friendly: la linea Elio Collection è una suite di vernici ideali per applicazioni "one step and done" in grado di adornare le pareti di casa trasformandole in veri e propri elementi di design. L'altra linea, Bisaten, in fase di introduzione, è una vernice rivoluzionaria e di qualità superiore che mira a contenere la dissipazione di energia termica nelle aree dove viene applicata. Grazie alla tecnologia 3M, unita alla sorprendente formula GDM, Bisaten garantisce al consumatore un risparmio sui costi energetici nonché ulteriori benefici tra cui una totale protezione antimuffa.

Paolo Internicola responsabile dell’espansione commerciale negli USA della Giuseppe Di Maria SpA (GDM) ha dichiarato: “Abbiamo scelto di presentare al PDCA National Painting Industry Trade Show, la fiera nazionale annuale dell'industria della verniciatura, le nostre linee di prodotti altamente innovativi nel campo delle vernici per l’edilizia professionale. La Giuseppe Di Maria è un’industria italiana che oggi, grazie agli investimenti in R&D uniti all’esperienza di quasi un secolo di attività, è pronta ad offrire materiali così all’avanguardia che diventeranno presto leader di settore.”

La partecipazione al PDCA National Painting Industry Trade Show, in svolgimento presso il Savannah International Trade & Convention Center dal 6 all’8 marzo 2019, è il primo tassello della strategia di espansione commerciale negli USA della Giuseppe di Maria SpA (GDM) che vedrà le linee Bisaten ed Elio Collection protagoniste di eventi promozionali in tutti gli Stati Uniti.
Convegno AEM a Messina: La nuova visione della Città Metropolitana dello Stretto

Convegno AEM a Messina: La nuova visione della Città Metropolitana dello Stretto


Il prossimo 23 Febbraio 2019 presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, sede del Municipio della Città di Messina, dalle ore 9.30 si terrà un convegno sul tema "La nuova visione della Città Metropolitana dello Stretto".

L'incontro, presieduto dal Chairman Prof. Cosimo Inferrera, Presidente AEM e C-MMO è organizzato da A.E.M. Associazione Europea del Mediterraneo Comitato Macroregione Mediterranea Occidentale C-MMO in collaborazione con AICCRE Puglia, Calabria, Sicilia, Centro Camelot, ASP 5 Messina e
Collegio Amministrativo Ferroviario Italiano.

PROGRAMMA:

Relazione
Presidente AEM e C-MMO
Chairman Prof. Cosimo Inferrera
ing. Giovanni Saccà AEM
Responsabile Settore Ricerca Infrastrutture, Mobilità e Trasporti
La nuova visione: collegamento stabile, trasporti, mobilità urbana e riqualificazione urbanistica

Interventi

On. Cateno De Luca Sindaco di Messina
Avv. Giuseppe Tiberio Falcomatà - Sindaco di Reggio Calabria
Dr. Giovanni Siclari - Sindaco di Villa San Giovanni Autorità politiche, civili e religiose
Aurelio Misiti - Vice Presidente AEM Prof. ord. a.r. Univ. Studi Roma
Antonino D’Asero - Presidente AICCRE Sicilia
Andrea Piraino - Segretario Generale AEM Prof. ord. Univ. Studi Pa
Emilio Verrengia - Presidente AICCRE Calabria
Giuseppe Abbati AEM - Segretario Generale AICCRE Puglia

Agenda 2030 Messina - Reggio Calabria - Villa S.G.

Carlotta Previti - Assessore Comune Messina
Saverio Anghelone - Assessore Comune Reggio Calabria
Massimo Morgante - Assessore Comune di Messina
Sergio Bertolami AEM - Responsabile Settore Cultura Turismo
Gianfilippo Muscianisi - AEM già Presidente KIEF
Matteo Allone - Direttore Centro Camelot
Iosè Gambino C-MMO - Prof. Ord. a.r. Univ. Studi Me
Giuseppe Previti C-MMO - già Presidente Consiglio Comunale Messina

Incontro con la stampa (Ore 12.00)
La nuova visione della Città Metropolitana dello Stretto
alimenta le energie vive del territorio meridionale e dà supporto strutturale
al trend globale di ricchezza, merci, tecnologie, innovazione tra UE – Africa – Far East.
Lazio Innova, incontro sul tema degli scenari futuri dei programmi aerospaziali della Federazione Russa

Lazio Innova, incontro sul tema degli scenari futuri dei programmi aerospaziali della Federazione Russa


Il prossimo 4 marzo alle 15.00 presso la Sala Consiglio di Lazio Innova, Via Marco Aurelio 26 A, in occasione dell’incontro “Federazione Russa - Gli scenari futuri dei programmi aerospaziali. Verso MAKS 2019" , organizzato da Lazio Innova, per conto della Regione Lazio, in collaborazione con ICE – Agenzia.

Nel corso dell’incontro sarà presentata la prossima edizione di MAKS 2019, Salone internazionale dell'aviazione e dello spazio che si terrà presso l’aeroporto Zhukovsky di Mosca dal 27 agosto al 1° settembre 2019 e grazie alla presenza di alcuni esperti verranno illustrati i prossimi programmi aerospaziali civili della Federazione Russa.

All’incontro saranno presenti: il Dott. Giuseppe Oliva di ICE – Agenzia; il dott. Dmitrii Pavlenok, Responsabile di ROSTEC in Italia (ROSTEC è la corporazione russa che raccoglie oltre 700 organizzazioni diffuse su tutto il territorio della Federazione Russa, rappresentative dei settori industriali più importanti, tra cui spicca quello aerospaziale); il dott. Alexander Getman di AVIASALON, del gruppo ROSTEC, organizzatore di MASK 2019.

Per la registrazione on line entro il 3 marzo: http://www.laziointernational.it/polls.asp?p=219
Assemblea per la Macroregione Mediterranea

Assemblea per la Macroregione Mediterranea


Il prossimo nove novembre dalle ore nove, presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli (Palazzo Serra di Cassano), si terrà la prima Assemblea per la Macroregione Mediterranea

“In quella sede, con la partecipazione di tutti, nello spirito di una democrazia partecipata, confido, che unanimemente, possiamo chiudere il primo ciclo di dibattiti e convegni attraverso i quali sono stati affrontati diversi temi.” Così Paolo Pantani, Presidente Emerito ABC ACLI Beni Culturali e coordinatore dell’evento.

“Tutti ormai siamo convinti - continua Pantani - che bisogna superare un regionalismo in crisi e allo stesso tempo essere vigili sul populismo che si sta avviando verso una centralizzazione delle funzioni ed una statalizzazione delle decisioni che non giova al Paese e all’Europa. E’ con questo spirito che confidiamo di gettare le basi della seconda fase finalizzate a costituire una Macroregione Mediterranea.”

Ai lavori parteciperanno numerosi relatori che illustreranno le diverse tematiche di riferimento che costituiranno le basi per un progetto strategico di sviluppo della Macroregione Mediterranea.
Le tematiche che saranno trattate riguarderanno: Il contesto territoriale, le infrastrutture, i servizi, gli aspetti istituzionali, l’ambiente, la cultura, la salute dei popoli e dei cittadini.

Hanno assicurato la loro presenza: Paolo Pantani – Presidente Emerito ABC ACLI Beni Culturali; Rocco Giordano – Economista dei Trasporti; Berardo Impegno – Docente in Filosofia; Emanuele Raimondo – Ricercatore in Materie Giuridiche; Beya Ben Abdelbaki Fraoua – Console Generale delle Repubblica di Tunisia; Antonio Cirino Pomicino – Console Onorario del Regno del Marocco; José Luis Solano Gade – Console Generale del Regno di Spagna; Stanislao Napolano – Dirigente Medico Presidente Associazione “Carlo Filangieri”; Alessandro Citarella – Rappresentante Meridem; Pasquale Persico – Presidente dell’Osservatorio dei Beni Culturali; Vito Grassi – Presidente Unindustria Campania; Cristina Fiorenzano – Rappresentante Regione Basilicata; Adriano Giannola – Presidente SVIMEZ; Roberta Varriale – CNR Istituto di Studi sulle Società del Mediterraneo; Ennio Forte – Economista dei Trasporti; Renè Georges Maury – Geografo; Giovanni Saccà – Ingegnere Responsabile Settore Studi Trasporti Ferroviari CAFI; Pietro Spirito – Presidente dell’Autorità Portuale del Tirreno Centrale; Cosimo Inferrera Presidente Comitato per la Macroregione Meridionale Occidentale (C-MMO); Carlo Amirante – Costituzionalista; Francesco de Notaris – Direttore Bollettino Assise; Antonino Aurilio – Dirigente Medico Direttore U.O.S. Medicina di Base Distretto; Francesco Montanaro – Medico Specialista Gastroenterologo Presidente Istituto di Studi Atellani; Egidio Montibello – Medico già direttore UOC Formazione e Aggiornamento ASL NAPOLI 2 Nord; Vincenzo Senatore – Responsabile di Redazione Il Denaro; Sandro Staiano – Costituzionalista; Renato D’Amico – Docente Scienza Politica; Andrea Piraino – Costituzionalista; Stelio Mangiameli – Direttore ISSiRFA - Cnr; on. Andrea Cozzolino – Eurodeputato – Vicepresidente Commissione per lo Sviluppo Regionale; on. Paolo Russo – Camera dei Deputati – Vicepresidente del Comitato per la Legislazione; on. Giuseppina Castiello – Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Tavola rotonda promossa da FondItalia e FormaSicuro sulle opportunità e risorse per la sicurezza nei luoghi di lavoro

Tavola rotonda promossa da FondItalia e FormaSicuro sulle opportunità e risorse per la sicurezza nei luoghi di lavoro


Si terrà il prossimo 25 ottobre dalle ore 10,30, nel contesto di ExpoTraining a FieraMilano, nella Sala Arancione 2 una Tavola Rotonda dal titolo “Opportunità e risorse per la sicurezza nei luoghi di lavoro” promosso da FondItalia in collaborazione con il proprio ente di Assistenza Tecnica FormaSicuro – Organismo Paritetico.

Il programma prevede i saluti istituzionali del Presidente FondItalia Francesco Franco e del Presidente FormaSicuro Domenico Chirico cui seguirà la Presentazione del Progetto “Dialogo nel buio” a cura di Franco Lisi, direttore Istituto dei Ciechi di Milano

La Tavola rotonda vedrà gli interventi di Carlo Barberis, Presidente di ExpoTraining; Francesco Paolo Capone, segretario generale UGL; Giovanni Luciano, Presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Inail; Egidio Sangue, direttore FondItalia con la moderazione diTiziano Menduto, giornalista di PuntoSicuro.
Le conclusioni saranno a cura del Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Claudio Durigon.

L’evento si propone come un appuntamento di confronto e approfondimento delle opportunità, degli strumenti e delle risorse a supporto della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Lo scopo è incentivare e supportare concretamente le imprese nella realizzazione di interventi efficaci per quanto riguarda la formazione, la valutazione dei rischi, la prevenzione, la protezione e il controllo per la salute e la sicurezza di lavoratori e datori di lavoro.

FondItalia sarà inoltre presente ad ExpoTraining con un proprio stand.

La partecipazione alla manifestazione è gratuita. Tuttavia, per evitare code all’ingresso, è preferibile accreditarsi al link http://www.expotraining.it/iscriviti-online-alla-fiera.
All’Istituto di Cultura Italiana di Chicago la tappa USA della mostra itinerante del Premio Dedalo Minosse

All’Istituto di Cultura Italiana di Chicago la tappa USA della mostra itinerante del Premio Dedalo Minosse


Farà tappa a Chicago dal 24 ottobre al 2 novembre, presso la sede del locale Istituto Italiano di Cultura, il tour della Mostra itinerante del Premio Dedalo Minosse. La cerimonia di apertura si terrà mercoledì 24 ottobre dalle 18:00 alle 20:00 nella sala espositiva dell’Istituto, al 500 N Michigan Ave - Suite 1405.

Il Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura è promosso da ALA - Assoarchitetti e dalla Regione del Veneto con cadenza biennale. Fondato nel 1997 è giunto alla sua decima edizione.

Il Premio promuove la qualità dell'architettura, analizzando e ponendo l'accento sul processo progettuale e costruttivo e sulle figure che determinano il successo dell'opera: l'architetto e il committente, con al loro fianco gli esecutori (le imprese) e i decisori (le pubbliche amministrazioni).

Oltre alla cerimonia di premiazione al Teatro Olimpico di Vicenza, ALA - Assoarchitetti allestisce una mostra delle opere vincitrici del Premio Dedalo Minosse a Palazzo Chiericati, uno degli edifici palladiani del centro storico di Vicenza.

La mostra itinerante è una sintesi dell’esposizione principale che si tiene a Vicenza e viaggia per il mondo, toccando diverse tappe per i due anni successivi, grazie ad accordi tra ALA Assoarchitetti, il Ministero degli Affari Esteri, gli Istituti Italiani di Cultura e Associazioni italiane e straniere. Le mostre itineranti, che hanno già toccato Parigi, Buenos Aires e Tokyo, sono occasione per esportare il premio e l'immagine dell'Italia, nonché per promuovere la cultura e la qualità dell’architettura nel mondo.

Grazie alla collaborazione con Enti e Associazioni locali di architetti e di imprese, il Premio viene a coinvolgere non solo gli addetti all'architettura, ma un pubblico internazionale più vasto, costituito di committenti, investitori, amministratori e professionisti.

La tappa di Chicago è realizzata con il supporto della Fondazione Inarcassa e si svolge in concomitanza con la presenza di una delegazione di circa 40 tra architetti e ingegneri che partecipa al “II Workshop internazionale”, promosso dalla Fondazione per favorire l’internazionalizzazione dei professionisti iscritti alla cassa.
Digital day, al via l'Agenda Digitale della Regione Siciliana

Digital day, al via l'Agenda Digitale della Regione Siciliana


Domani, 2 ottobre alle 10 presso la Villa Malfitano a Palermo si terrà una giornata dedicata alle strategie regionali per superare il gap della Banda ultra larga e verrà mostrata la mappa dei cantieri aperti nei Comuni.

Ad aprire i lavori il presidente, Nello Musumeci e il vicepresidente della Regione siciliana Gaetano Armao. Introdurrà il convegno Maurizio Pirillo, dirigente generale dell’Autorità regionale Innovazione tecnologica, presiederà Riccardo Savona, presidente della commissione Bilancio dell’Ars.

Interverranno: Domenico Tudini, amministratore delegato di Infratel, Stefano Paggi di Open Fiber, Mario Alvano, segretario generale Anci Sicilia e Valerio Mele, coordinatore territoriale Anas Sicilia. Concluderà la prima sessione Bernadette Grasso, assessore regionale alle Autonomie locali e alla funzione pubblica.

Nel pomeriggio, la sessione “La strategia nazionale e regionale del digitale” sarà coordinata da Serafino Sorrenti, consulente regionale in materia digitale.

Dopo i saluti del presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, sono previsti gli interventi di Sebastiano Callari, assessore regionale ai Sistemi informativi del Friuli Venezia Giulia e coordinatore del Comitato delle Regioni, dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, di Cosimo Comella, Garante per la protezione dei dati personali, Daniela Maria Intravaia dell’Agenzia per l’Italia digitale e di Giuseppe Lo Re, docente di Ingegneria informatica all’Ateneo di Palermo.

Dopo un coffee break, la tavola rotonda sarà coordinata dal giornalista Giovanni Pepi. Interverranno: Elio Catania, presidente di Confindustria digitale, Salvatore Malandrino, regional manager di Unicredit, Fabio Fregi, country manager di Google Italia, Silvia Candiani, country manager di Microsoft Italia, Renato Di Donna, responsabile divisione progetti per la pubblica amministrazione di Consip, Emanuele Spampinato, vicepresidente di Assintel, Maria Astone, presidente Corecom Sicilia, Luigi Di Chiara, responsabile regionale di Rai Way, Francesco Caizzone, presidente Dih Sicilia, Andrea Falessi, direttore relazioni estere Open Fiber, Massimo Dell’Utri, amministratore di Sicilia Digitale e Francesco Benvegna del servizio Informatica dell’Ars.


IF Roadshow: GCNI presente all’ultima tappa del tour di Transparency Italia per la diffusione della cultura dell’integrità

IF Roadshow: GCNI presente all’ultima tappa del tour di Transparency Italia per la diffusione della cultura dell’integrità


Si è svolta  a Palermo, nella prestigiosa Sala delle Capriate di Palazzo Steri, la 3° ed ultima tappa del BIF Roadshow 2018, l’iniziativa promossa da Transparency International Italia, che ha l’obiettivo di diffondere sul territorio italiano le best practice in materia di responsabilità d’impresa e le politiche anticorruzione.

Il Business Integrity Forum è un progetto di Transparency Italia al quale hanno aderito 14 tra le più grandi aziende italiane: Acciai Speciali Terni, Assicurazioni Generali, Edison, Enel, Falck Renewables, Fastweb, Luxottica, Pirelli, RINA, SAES-group, Snam, Terna, TIM, e Vodafone Italia. L’impegno condiviso è quello di sviluppare progetti comuni per favorire la lotta alla corruzione e migliorare la trasparenza nelle pratiche di business, con la speranza di creare spirito di emulazione a beneficio anche di altri stakeholders, a partire dalle piccole e medie imprese.

Il BIF Roadshow 2018 è partito a giugno da Terni e ha fatto tappa a luglio anche a Genova.

La tappa di Palermo, che è stata moderata dal giornalista Nino Amadore de “Il Sole 24 Ore”, è stata organizzata grazie alla collaborazione di ENEL.

Dopo i saluti del Rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari, dell’Assessore del Comune di Palermo, Gaspare Nicotri, intervenuto in rappresentanza del Sindaco Orlando, e del Vice Presidente della Regione Siciliana, Gaetano Armao, sono stati tanti i relatori, esponenti del settore pubblico e privato, che hanno portato il loro contributo alla giornata, tra cui rappresentanti del Ministero dell’Economia e delle Finanze, dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione, dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, dell’Università degli Studi di Palermo, nonché di primarie aziende italiane (Enel, Ferrovie dello Stato Italiane, Luxottica) e di Sicindustria. Il Global Compact Network Italia ha contribuito all’evento mediante un intervento del suo Segretario Generale, Alessia Sabbatino, nell’ambito della sessione focalizzata sul Ruolo del partenariato pubblico-privato nella diffusione della cultura dell’integrità.

“Il settore privato italiano è caratterizzato per oltre il 90% da piccole e medie imprese che, per mancanza di competenze specifiche e consapevolezza che l’integrità sia essenziale per generare fiducia, faticano a implementare al meglio i giusti strumenti e a comunicare il loro impegno contro la corruzione” - ha dichiarato nell’evento odierno Giovanni Colombo, Responsabile per il Private Sector di Transparency Italia. - “Per questo siamo molto felici che questa iniziativa sia arrivata anche in Sicilia e della collaborazione con ENEL, perché grazie al loro impegno abbiamo l’opportunità di raggiungere tante realtà locali e offrire loro la nostra esperienza”.

“Le grandi imprese sono in grado di svolgere un fondamentale ruolo di coesione tra il settore pubblico e quello privato nella diffusione della cultura della legalità, soprattutto attraverso la capacità di promozione di strumenti di compliance tra le piccole e medie imprese, cuore della catena dei fornitori. Enel ribadisce il proprio sostegno ad iniziative come questa, volte a promuovere lo sviluppo di attività d’impresa sostenibile ed improntata alla più ampia integrità - ha dichiarato Giulio Fazio, General Counsel di Enel.”

Nel chiudere i lavori, Nicoletta Parisi, Consigliere dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, raccogliendo gli stimolanti spunti emersi durante la giornata, ha dichiarato “La Compliance Integrata è un obiettivo di razionalizzazione, di semplificazione, di efficienza e di efficacia al quale tutti le grandi, medie e piccole imprese devono tendere. Il ruolo formativo delle grandi realtà aziendali è fondamentale”.
FondItalia anche quest’anno con FuoriCinema a CityLIfe - Milano

FondItalia anche quest’anno con FuoriCinema a CityLIfe - Milano


Anche quest’anno Fonditalia supporta il FuoriCinema di Cristiana Capotondi, Cristiana Mainardi, Lionello Cerri, Gino e Michele, Gabriele Salvatores e Paolo Baldini. A CityLife, nel cuore di una Milano rinnovata, dal 14 al 16 settembre in Piazza Tre Torri, artisti del mondo del cinema, della musica e dello spettacolo incontrano il pubblico con la moderazione di giornalisti e conduttori.

Nell’area backstage di FuoriCinema si terranno incontri B2B tra operatori del mondo dello spettacolo e FondItalia per rendere note le opportunità che tale Ente può offrire per la formazione continua dei lavoratori del settore dell’audiovisivo.

“Quello della formazione è un tema centrale nelle imprese e ancora di più può diventarlo, in particolare per quelle che operano nei settori della creatività e nell’audiovisivo. La costante necessitò di formazione ed aggiornamento del personale artistico, teatrale e cinematografico può essere sostenuta con i contributi dei Fondi Interprofessionali e FondItalia ha voluto dedicare particolare attenzione a questo settore, che ritiene strategico per l’Italia e con grandi potenzialità. Potenzialità che possono essere davvero sviluppate solo attraverso una seria e strategica attività di formazione - ha dichiarato Francesco Franco, presidente di FondItalia. “I Fondi vengono alimentati dal contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria che i datori di lavoro versano all'Inps. Scegliendo di aderire ad un Fondo, le imprese hanno la possibilità che lo 0,30% del contributo versato ritorni in azioni formative volte a qualificare ed aggiornare i propri collaboratori, in sintonia con le proprie esigenze e strategie aziendali. Purtroppo, però non sono molte le imprese del comparto a conoscenza di questa opportunità.”

Ideato da Cristiana Capotondi, Cristiana Mainardi, Lionello Cerri, Gino e Michele, Gabriele Salvatores e Paolo Baldini e prodotto da Fuoricinema Srl, Associazione Visione Milano, Corriere della Sera e CityLife, in collaborazione con Sky, RTL 102.5, Gruppo Mondadori, patrocinata dal Comune di Milano, Fuoricinema è un happening, una maratona non stop di incontri diurni e proiezioni notturne, che nasce dal desiderio di raccogliere esperienze di vita, aspirazioni e riflessioni sviluppate attorno al mondo del cinema per metterle in circolo come patrimonio comune.

Nei giorni successivi all'evento, inoltre, saranno organizzati ulteriori incontri mirati con associazioni del comparto al fine di illustrare loro i meccanismi che permetteranno di finanziare progetti di formazione mirati.
Convegno a Napoli per la Macroregione del Mediterraneo occidentale

Convegno a Napoli per la Macroregione del Mediterraneo occidentale


Venerdì 7 di Settembre 2018 presso la sala Calypso del Centro Congressi della Stazione Marittima di Napoli si è tenuta la presentazione del libro "Per la Macroregione del Mediterraneo occidentale" curato dal professor Renato D'Amico, Ordinario di Scienza Politica dell'Università degli Studi di Catania e dal Professor Andrea Piraino Ordinario di Diritto Costituzionale all'Univeristà degli Studi di Palermo, ma più che di una semplice presentazione di un libro si è trattato di un importante convegno sul tema del macroregionalismo, una giornata di lavori ricca di nomi di eccellenza nei propri settori. Il testo stesso è il risultato di altro importante convegno sul tema, svoltosi a Palermo l'anno scorso. Il volume vuole lanciare l’idea della costituzione della Macroregione del Mediterraneo occidentale , collocandosi, dunque, nel quadro di quella «Strategia macro-regionale» che, nell’ambito del più generale obiettivo della cooperazione territoriale, rappresenta un laboratorio sperimentale dell’integrazione europea.

Le macroregioni si ispirano all'obiettivo stabilito con Il Trattato di Lisbona,che abolisce i "pilastri", provvede al riparto di competenze tra Unione e Stati membri, e rafforza il principio democratico e la tutela dei diritti fondamentali, viene promossa la costituzione di macroaree per la coesione territoriale, anche fra paesi non appartenenti alla UE, puntando molto sulle comunità locali, anche per colmare il deficit democratico di cui soffrono tutte le istituzioni europee dall'inizio della loro costituzione.

Le macroregioni sono infatti il risultato di una strategia per realizzare “Una struttura di governance multilevel che, con il superamento dei limiti territoriali garantisca la partecipazione delle Autorità regionali, locali e dei cittadini alle politiche di cooperazione europee ed euromediterranee per la cultura,la tutela ambientale, la ricerca scientifica, l’innovazione, I sistemi energetici, la connettività territoriale, la mobilità urbana sostenibile, e dunque lo sviluppo socio economico della terra meridionale e dei paesi rivieraschi del Mediterraneo centro occidentale”.

Il libro presentato è il documento conclusivo dell'importantissimo convegno internazionale organizzato dalla Università Telematica “Pegaso” e svoltosi a Palermo il 6 e il 7 Luglio 2017. Ritengo molto interessante che quella assise è stata organizzata da una Università, con sede a Napoli ,in una altra capitale del Sud, come Palermo. Quindi già dalla sua genesi viene rimarcato il ruolo indispensabile delle comunità locali nella costruzione della Macroregione, soprattutto in rapporto all'integrazione europea. Le grandi città infatti hanno sempre svolto un ruolo propulsivo nella plurimillenaria storia di questa area ricca di civiltà, culture, religioni. Napoli e Palermo sono città peculiari, connesse e rivali, in sinergia da sempre, infatti per secoli si sono alternate come poli del potere in Meridione, fra spinte centraliste e

indipendentismo. Il fatto stesso che il convegno internazionale è stato organizzato da una università napoletana a Palermo, che gli autori sono siciliani, uno di Catania Renato D'Amico e l'altro di Palermo Andrea Piraino, ( altro dualismo storico superato), che il primo Forum per la Macroregione del Mediterraneo Occidentale è stato organizzato dalla Università degli Studi di Messina, che la presentazione in esclusiva del libro è stata fatta a Napoli e che il secondo Forum si terrà di nuovo a Napoli ad Ottobre, testimonia una rete di rapporti umani e di condivisione, che difatti è già una macroregione, del resto, possiamo affermare tranquillamente, lo siamo sempre stati nei millenni passati.La gradita presenza all'evento del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha rappresentato un primo contatto per definire l'obiettivo di una partecipazione della città di Napoli al comitato promotore per la M.M.C.O. Macroregione Mediterranea centro occidentale.Importanti testimonianze sono state le presenze del Presidente del Comitato promotore per la MMCO Cosimo Inferrera della Università degli Studi di Messina e dell'Ingegnere esperto di Logistica dei Trasporti Giovanni Saccà, anche lui messinese, trapiantato a Verona, degli amici pugliesi dell' A.I.C.C.R.E. Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle regioni d'Europa, Giuseppe Abbati e Giuseppe Valeri che hanno portato la loro esperienza sulla macroregione Adratico Yonica che hanno già fatto l'EUSAIR. A Napoli abbiamo voluto la presenza dei diplomatici stranieri: la Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela Amarilis Gutièrrez Graffe, che è intervenuta anche nella veste di Console Generale Decano del Corpo Diplomatico a Napoli, quindi la presenza diplomatica più antica da molto prima della cosiddetta unità.La Console Generale della Repubblica di Tunisia a Napoli, Beya Abdelbaki Fraua, il paese rivierasco africano più vicino nella nostra area. La novità politica è stata la piena adesione di Alessandro Citarella, Segretario Generale dei Meridionalisti Democratici, alla costituzione della M.M.C.O., il Presidente Pietro Spirito ha sottolineato l'importanza del Sistema Portuale integrato nel Mediterraneo. Il Dott. Stanislao Napolano, Presidente della Associazione Carlo Filangieri ha illustarto il rapporto fra Macroregione mezzogiorno e Macroregione Mediterranea Centro Occidentale. Il Geografo Pasquale Gallifuoco ha parlato sulla Geografia della M.M.C.O. Il presidente della Consulta degli Ordini della Consulta degli Ordini e dei Collegi ha chiarito il ruolo dei professionisti nella nuova realtà del Federalismo Macroregionale.La Vice-Presidente della Unione Industriali di Napoli e della Confindustria della Campania ha portato le sue esperienze concrete nella internazionalizzazione delle imprese.Il Costituzionalista Sandro Staiano e componente della Rivista Federalismo ha affrontato l'importante problema del Federalismo,mentre Carlo Amirante, costituzionalista, uno dei Fondatori della Università della Calabria, ha proposto una centro di formazione e di ricerca scientifica della M.M.C.O.Adriano Giannola, Presidente Svimez, ha posto il problema sulle attività produttive integrate del Mezzogiorno in un sistema a carattere di forte federalismo. Pasquale Persico ha parlato della "Governance" delle aree interne e il Direttore della Banca d'Italia Antonio Cinque ha illustrato la questione finanziaria delle aree mediterranee.

L e conclusioni sono state tratte dagli autori del libro dal Prof. Renato D'Amico e Prof.Andrea Piraino

Visto che l'evento si è trasformato in un autentico simposio internazionale sulle strategie macroregionali, tutti gl interventi dei relatori saranno pubblicati su “Il Denaro” e sulla rivista “ Sistemi di Logistica” della Giordano Editore. Ringraziamo, a nome del giornale on-line “Il Denaro”, del Professore Rocco Giordano,Presidente della Giordano Editore, del Presidente della Carlo Filangieri Stanislao Napolano , del Presidente del Corpo Internazionale di Soccorso marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, degli autori del libro,Renato D’Amico, Direttore della Collana Quaderni CeDoc materiali per lo sviluppo locale della FrancoAngeli Editore e Andrea Piraino , Costituzionalista e a nome mio personale,il numeroso pubblico e tutti gli amici che hanno partecipato:Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli, Sua Eccellenza Amarilis Gutierrèz Graffe,Console generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela,e Sua Eccellenza Baya Abdelbaki Fraoua,Console Generale della Tunisia,Alberto Cammarata, Head of the Political European Integration and Trade Section, Cosimo Inferrera, Presidente del Comitato promotore per la M.M.C.O., Giovanni Saccà,ingegnere specialista di Logistica dei Trasporti,Giuseppe Abbati e Giuseppe Valeri della AICCRE di Puglia, Alessandro Citarella, Segretario Generale dei Meridionalisti Democratici,Pietro Spirito, Presidente della Autorità Portuale, Michele Zannini delle Acli Nazionali, Pasquale Gallifuoco, Geografo,Domenico De Crescenzo Presidente dei professionisti di Napoli e della Campania, Vito Grassi Presidente della Unione Industriali di Napoli e della Confindustria Campania,Anna Del Sorbo, Presidente della Associazione delle Piccole e Medie Imprese della Campania, Sandro Staiano, Costituzionalista, Carlo Amirante, Costituzionalista e fra I fondatori della Università degli Studi della Calabria, Adriano Giannola, Presidente SVIMEZ,Gerardo Bianco, Presidente ANIMI,Pasquale Persico, Economista, Antonio Cinque, Direttore della Banca d'Italia, Andrea Cozzolino , europarlamentare, Rosa D'Amelio, Presidente del Consiglio Regionale della Campania.

Articolo di Paolo Pantani Coordinatore del Forum di Napoli “Per la M.M.C.O.”
Presentazione del libro "Per la Macroregione del Mediterraneo occidentale" di D'Amico e Piraino

Presentazione del libro "Per la Macroregione del Mediterraneo occidentale" di D'Amico e Piraino


Venerdì 7 settembre 2018, alle ore 9:30, presso la Stazione Marittima - Porto di Napoli- Molo Angioino-Centro Congressi - Sala Calypso , sarà presentato il libro "Per la Macroregione occidentale" (editore Franco Angeli) di Renato D'Amico e Andrea Piraino.

L'appuntamento è organizzato da Paolo Pantani, presidente emerito di Acli Beni Culturali, Stanislao Napolano, presidente dell'Associazione Carlo Filangieri, Giordano Editore e quotidiano online IlDenaro.it. L'evento rientra nella fase di preparazione del Forum in programma per la terza decade di ottobre a Napoli dal titolo: "Per la Macroregione del Mediterraneo occidentale".
Politiche di cooperazione europee ed euromediterranee per la cultura, la tutela ambientale, la ricerca scientifica, l’innovazione, i sistemi energetici, la connettività territoriale, la mobilità urbana sostenibile, e dunque lo sviluppo socioeconomico della terra meridionale e dei paesi rivieraschi del Mediterraneo centro occidentale: Come e quali gli strumenti per garantire una proficua ed utile partecipazione delle Autorità regionali, locali e dei cittadini? Questi i temi principali trattati nel libro.
Gli autori:

Renato D'Amico è professore ordinario di scienza politica all'Università degli Studi di Catania, dove insegna Scienza della amministrazione e Analisi delle politiche pubbliche tra le sue più recenti pubblicazioni: Il rapporto tra Governo e Assemblea nella Regione Siciliana (2015) Politiche europee e prove di sviluppo locale in Sicilia (2015); L'Università dalla prima alla terza missione: il contributo della didattica di "terzo livello" 2017

Andrea Piraino è professore ordinario di Diritto costituzionale all' Università degli Studi di Palermo. E' stato assessore del Governo della Regione siciliana e segretario generale dell'AnciSicilia. Trale più più recenti pubblicazioni: L'autonomia federale nella azione e nel pensiero sturziano (2015); La controriforma della riforma costituzionale (2016); La politica ed il bene comune. Fine di un rapporto? (2016); Un nuovo comune policentrico nella nuova Italia (2017).

Parteciperanno all'incontro, moderato da Alfonso Ruffo, direttore de "Il Denaro", il Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris (invitato), i curatori del libro, Renato D'Amico,Professore ordinario di Scienza politica all’Università degli Studi di Catania e Andrea Piraino, Professore ordinario di Diritto costituzionale all’Università degli Studi di Palermo insieme a: Carlo Amirante, Costituzionalista, Federico II, Gerardo Bianco Presidente Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia, Alberto Cammarata, Head of the Political, European Integration and Trade Section of the EU Delegation (Invitato), Alessandro Citarella, Segretario Generale dei Meridionalisti Democratici, Andrea Cozzolino, Vicepresidente della Commissione Europea per lo sviluppo regionale e
Portavoce del Parlamento Europeo per la riforma dei Fondi Strutturali; Rosa D'Amelio, Presidente Consiglio Regionale della Campania, Domenico de Crescenzo, Presidente della Consulta degli Ordini e dei Collegi di Napoli e della Campania(Invitato), Pasquale Gallifuoco, Geografo - Acli Beni Culturali, Adriano Giannola, Presidente SVIMEZ, Rocco Giordano, Presidente Giordano Editore, Vito Grassi, Presidente Unione Industriali Napoli e Presidente Confindustria Campania; Amarilis Gutierrez Graffe, Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli e Console Generale Decano del Corpo Diplomatico di Napoli (invitatata), Stelio Mangiameli, Direttore dell’ISSiRFA – CNR, Vincenzo Menna, Direttore della Fondazione “Achille Grandi”, Stanislao Napolano, Presidente Associazione “Carlo Filangieri”, Pasquale Orlando, Dirigente Nazionale F.A.P. Acli – Curatore Rivista “Risorsa Mezzogiorno”, Paolo Pantani, Presidente Emerito Acli Beni Culturali - Coordinatore del Forum di Ottobre “Macroregione del Mediterraneo Occidentale”, Pasquale Persico, Economista, Università di Salerno, Roberto Rossini, Presidente Nazionale delle ACLI, Pietro Spirito, Presidente Autorità di Sistema Portuale del Mare Tirreno Centrale, Sandro Staiano, Costituzionalista, Federico II, componente della Rivista “Federalism".
 Premio America, l'11 ottobre alla Camera dei Deputati il prestigioso riconoscimento della Fondazione Italia-USA

Premio America, l'11 ottobre alla Camera dei Deputati il prestigioso riconoscimento della Fondazione Italia-USA



la Fondazione Italia USA attribuirà, all’interno della cerimonia del Premio America, tre medaglie ufficiali della Camera dei Deputati destinate ad altrettanti studenti di università americane.
La cerimonia del Premio America si terrà a Roma, presso la Camera dei Deputati, Aula dei Gruppi Parlamentari, l'11 ottobre 2018 alle ore 17.

Il Premio America, istituito dalla Fondazione Italia USA, è destinato ad alte personalità di chiara fama, di assoluta eccellenza nei rispettivi campi di interesse ed attività, che si siano distinte per il loro operato ed abbiano raggiunto importanti risultati a favore dell’amicizia tra Italia e Stati Uniti.
Tra i premiati delle scorse edizioni ricordiamo Andrea Bocelli, Paul Bremer, Carla Fendi, Gianni Letta, Alberto Angela, Oscar Farinetti, Franco Frattini, Anders Fogh Rasmussen, Luca di Montezemolo, Mario Andretti, Enrico Vanzina, Tony Renis, Gianni Riotta, Edward Luttwak, Alan Friedman, Giovanni Allevi, Luisa Todini, Mario Moretti Polegato, Laura Biagiotti, Alessandro Benetton, Margherita Missoni, Lucia Annunziata, Gualtiero Marchesi, Christian De Sica, Ennio Morricone, Walter Veltroni, Beatrice Trussardi, Umberto Veronesi, Renzo Arbore, Renato Balestra, Maria Grazia Cucinotta, Alain Elkann, Paolo Limiti, Paolo Mieli, Monica Maggioni.
Studio Viola Specialisti in Commercio Internazionale sarà presente al Summer Fancy Food Show

Studio Viola Specialisti in Commercio Internazionale sarà presente al Summer Fancy Food Show


Lo Studio Viola Specialisti in Commercio Internazionale sarà presente alla prossima edizione del Summer Fancy Food Show che si terrà a New York dal 30 Giugno al 2 Luglio 2018.

Nel corso della manifestazione enograstronomica per eccellenza una delle più importanti oltreoceano, SV supporterà nel processo di internazionalizzazione alcune aziende italiane che hanno aderito al progetto dello studio, secondo la filosofia BID fortemente basata sull'innovazione di valore, di processo e tecnologica.

"Organizzare e pianificare una fiera di successo, in un mercato così importante e ricco di opportunità come quello americano, richiede un approccio dinamico e consapevole", afferma Pietro Viola – Business Innovation Developer e Founding Partner di SV, per una corretta ed efficace valutazione degli sviluppi commerciali e del posizionamento dei prodotti delle nostre realtà imprenditoriali".

"Il nostro cliente è il protagonista del progetto BID ne condivide la filosofia, contribuendo al raggiungimento dell'obiettivo, attraverso una partecipazione operativa e strategica".
Innovazione e robot in azienda? Gli italiani non li temono

Innovazione e robot in azienda? Gli italiani non li temono


Torna ExpoTraining i prossimi 24 e 25 ottobre a Fiera Milano, la più importante manifestazione italiana sulla formazione ed il lavoro. Una grande kermesse con più di 200 convegni, 600 relatori, workshop, eventi, confronti e tavole rotonde sul lavoro e la formazione professionale in Italia. Ma anche un “Osservatorio” prezioso sulle dinamiche del lavoro e della formazione, un laboratorio a cui collaborano associazioni imprenditoriali, sindacati, istituzioni ed esperti.

“Nei mesi scorsi abbiamo collaborato con Fonditalia per un primo panel su imprese ed innovazione (Metodo CaWi su un panel di 1115 imprenditori, giornalisti ed esperti) . Abbiamo scoperto che il 57,89% dei partecipanti al sondaggio ritiene che innovare sia l’unica via per competere nel mercato del lavoro nazionale ed internazionale ed il 40,35% pensa che innovare rappresenti una leva per aumentare produttività e fatturato. Solo il 6,14% si mantiene scettico, ritenendo che sia solo un modo per automatizzare il lavoro (6,14%) e ridurre il personale (6,14%). Solo il 5,26% dichiara che l’innovazione possa rappresentare solo un costo per le imprese. Purtroppo però a fronte di questa grande fiducia verso l’innovazione, solo la metà degli intervistati dichiara che la propria azienda innova costantemente (37,39%) o almeno ogni anno (15,65%), mentre l’altra metà dichiara che nella propria azienda accade ogni 2/3 anni (per il 13,04%), ogni 5 anni (per il 5,22%), raramente (per il 21,74%) o addirittura mai (per il 6,96%).” -. ha dichiarato Carlo Barberis, Presidente di ExpoTraining.

“L’innovazione è quindi percepita giustamente come una leva strategica per la competizione e per la crescita delle imprese. E la formazione come un requisito fondamentale. Resta però ancora troppo timore: solo un terzo delle imprese investe continuativamente per l’innovazione e la formazione, e questo nonostante le molte opportunità messe a disposizione da piano Industria 4.0”. Insomma, in Italia non si temono i “robot” o la tecnologia, ma non si ha abbastanza coraggio per puntarci davvero.”.

“ Quest’anno ad ExpoTraining proveremo a studiare e comprendere proprio questi fenomeni, a capire che tipo di innovazione le imprese italiane stanno realizzando, quale vorrebbero realizzare, se il Piano Industria 4.0 ha cambiato la percezione che imprese e lavoratori hanno della formazione. E dove sta andando il lavoro in Italia, quali sono le prospettive e le tendenze per il prossimo triennio. Lo faremo nel contesto del Forum Imprese e Management, insieme alle associazioni degli imprenditori, ai Sindacati, alle Istituzioni ed a centinaia di esperti e operatori della formazione italiana. E come ogni anno lavoreremo al Libro Bianco della Formazione, diventato ormai uno strumento di studio essenziale in Italia.” - ha concluso Barberis.

Per informazioni: www.expotraining.it
Amcham Italy 103rd Annual Meeting, Assemblea Ordinaria e Straordinaria dei Soci AmCham

Amcham Italy 103rd Annual Meeting, Assemblea Ordinaria e Straordinaria dei Soci AmCham


Il prossimo 20 Giugno si terrà a Milano l'Assemblea di AmCham Italy che vedrà la presenza del Board e dei Rappresentanti Locali, dei Presidenti dei Comitati e Gruppi di Lavoro, la Missione Diplomatica USA e rappresentati delle Istituzioni Locali e Nazionali insieme ai Soci e agli amici della Camera.

Sarà presente inoltre Elizabeth Lee Martinez, Console Generale USA a Milano.
Durante l'incontro verrà ufficialmente eletto il nuovo Presidente AmCham insieme a nuovi membri del Board.

L'evento sarà seguito da "A taste of America - Fast & Good USA Food", importante opportunità di networking.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: eventi@amcham.it